Home chi siamo 049665431

Trapianto capelli: procedura di micro chirurgia FUE

L’innovativa tecnica di trapianto capelli effettuata nel centro HSD è caratterizzata dalla totale assenza di cicatrici residue ed ha un risultato dall’aspetto naturale senza tracce della chirurgia. Va inoltre sottolineato che molte delle complicanze ed effetti collaterali tipici del trapianto tradizionale (con escissione del cuoio capelluto) sono sorpassati dalla minore invasività della micro chirurgia dei capelli.

Al fine di garantire comunque il massimo della sicurezza sanitaria il paziente dovrà sottoporsi preventivamente agli esami clinici di routine tipici degli interventi di chirurgia estetica. Ad ulteriore garanzia anche il trapianto capelli di minore entità viene eseguito in sala operatoria con la presenza costante di un’anestesista.

Anche la tecnica anestesiologica è caratterizzata da una bassa invasività. L’anestesia è locale accompagnata da una sedazione più o meno profonda che ha la finalità di rendere l’esperienza chirurgica confortevole. Il paziente infatti durante la procedura ha un grado di veglia ridotto.

Trapianto Capelli Foto 15
Trapianto Capelli Foto 15
Trapianto Capelli Foto 12

Grazie alla micro chirurgia estetica il prelievo delle unità follicolari avviene con un punch di 0.7 millimetri. La dimensione dello strumento è davvero ridotta, mediamente inferiore al diametro dell’ unità follicolare stessa. Ciò permette di espiantare una sezione della U.F. lasciando nell’area donatrice una porzione in grado di rigenerare i capelli che sono stati espiantati. Con la tecnica HSD la zona donatrice non diventa diradata ma si “ripristina” dopo pochi giorni.

Le tre fasi del trapianto

Il trapianto capelli HSD è suddiviso concettualmente in quattro fasi:

1) Prelievo delle unità follicolari senza cicatrice

Con un particolare strumento chirurgico a velocissima rotazione, il Trilix (punch da 0.7mm), vengono prelevate singolarmente le unità follicolari dalla zona precedentemente scelta come donatrice. La nuca e le zone laterali della testa sono tipicamente le aree di prelievo dei capelli.

Il prelievo lascerà sul cuoio capelluto un piccolo foro, che si rimarginerà spontaneamente nell’arco di qualche giorno.

Espianto unità follicolare

2) Selezione e suddivisione unità follicolari

Le unità follicolari espiantate vengono accuratamente suddivise in gruppi in base ai numero di follicoli presenti in ciascuna d’esse. Quelle monobulbari vengono selezionate per l’impianto nelle aree limite. Quelle pluribulbari vengono impiantate nelle aree “interne”.

3) Preparazione della sede ricevente

La unità follicolare prelevata viene trapiantata nella parte glabra sempre utilizzando il Trilix, che crea una piccola tasca delle identiche dimensioni della tessera cutanea prelevata.

Una volta che la unità follicolare ha preso alloggio nella sua nuova sede, le pareti della microfessura aderiranno perfettamente ai margini dell’elemento trapiantato non necessitando perciò di suture.

Micro incisioni per l'impianto

3) Impianto delle unità follicolari

Un’unità follicolare dopo l’altra, si procede fino ad ottenere un apprezzabile rinfoltimento del cuoio capelluto. Per poter ammirare la crescita dei “nuovi” capelli occorrerà aspettare qualche mese. I capelli trapiantati inizieranno a ricrescere dopo tre mesi. In alcuni casi è possibile dover aspettare qualche mese in più ma grazie alla ridotta invasività la percentuale di non ricrescita è statisticamente irrilevante.

Nessun’altra tecnica chirurgica consente risultati così rapidi ed ottimali sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo (rinfoltimento naturale, con direzione adeguata di crescita).

Impianto dei capelli ad alta densità
Marianna 33 anni - Padova

Marianna 33 anni - Padova

"Per i maschi essere calvo può essere una scelta. Per le donne è semplicemente una tragedia. Ero molto diradata, principalmente nella zona superiore. La tecnica ad alta densità è stata una soluzione drastica e definitiva al mio problema. Grazie a tutti."
Valentina 35 anni - Bergamo

Valentina 35 anni - Bergamo

"Ho martoriato le mie sopracciglia per anni fino a che queste si sono rivelate smettendo di crescere. Ops! Ho dovuto fare un trapianto per ripristinare la situazione. Ero molto preoccupata del risultato ma è andato tutto bene. Ho anche imparato la lezione."

Dopo la seduta di trapianto capelli

Dopo la seduta di trapianto con la tecnica microchirurgica HSD, sulla zona trattata si formeranno delle crosticine destinate a scomparire nell’arco di una settimana o poco più. Dopo qualche giorno si potrà procedere al primo lavaggio dei capelli. Il paziente dovrà comunque seguire scrupolosamente le indicazioni date dal chirurgo per il post operatorio.

Il paziente nella zona che ha subito l’espianto potrà  esperimentare una certa parestesia (una sensibilità cutanea minore). Ciò è normale e migliorerà con il passare dei giorni.

Micro trapianto capelli: Risultati naturali e senza cicatrici

Una seduta di trapianto capelli HSD permette già di raggiungere un buon risultato. In funzione del tipo di calvizie, della disponibilità di una buona zona donatrice e delle aspettative di cui è portatore il paziente, è possibile realizzare una seconda seduta. Questa ha lo scopo di aumentare la densità nelle zone interessate e/o coprire nuove zone diradate.

Il trapianto capelli con la tecnica HSD è poco invasivo ed efficace. Non vengono asportati lembi, non rimangono cicatrici ed il risultato è naturale. Il trapianto dei capelli con questa tecnica è efficiente anche a livello economico. Il costo del trapianto infatti è basso principalmente se confrontato con il risultato ottenibile.

5000 unità follicolari in una sessione

Trapianto capelli: Prezzo

Il trapianto di capelli può essere eseguito in diverse maniere. La tecnica classica con l’escissione del cuoio capelluto è certamente più veloce da eseguire e conseguentemente più economica. La tecnica HSD prevede il prelievo – una a una – delle singole unità follicolari dalla zona donatrice senza lasciare quindi cicatrici di nessun tipo. Anche se la qualità del trapianto HSD è esteticamente e biologicamente alta puntiamo sempre a mantenere i prezzi dei nostri trapianti competitivi.

Paziente ottimale

Nonostante l’ evoluzione della tecnica operatoria, la drastica riduzione delle complicanze e l’aumento negli anni della soddisfazione dei pazienti sottoposti a questa procedura, il trapianto capelli non è per tutti. E farlo nel paziente non adatto è fonte di frustrazione ed insoddisfazione.

Le caratteristiche che il soggetto che si avvicina alla chirurgia tricologica deve presentare per ritenersi un buon candidato sono importanti e vanno conosciute.

Trapianto capelli: Dalla tecnica FUT alla tecnica HSD

Dalla tecnica di trapianto tradizionale…

Il trapianto di capelli qualche anno fa era una tecnica piuttosto rozza con cicatrici importanti e risultati non naturali che lasciano il paziente insoddisfatto. L’ estrazione capillare veniva eseguita attraverso l’asportazione di una porzione di cuoio capelluto dalla nuca lungo 10 – 12 cm e largo 1 – 2.5 cm. La chiusura dei lembi lasciava una cicatrice lunga 10-12 cm orizzontale. Considerando che il cuoio capelluto presenta una lassità cutanea minima, il tessuto guariva in tensione e spesso produceva una cicatrice ipertrofica, larga e sporgente. Dopo il periodo di guarigione spesso provocava nel paziente una sensazione di trazione. Nella tradizionale (per non chiamarla obsoleta), il passo successivo consisteva nel sezionamento del lembo asportato in pezzettini che – per forza – erano troppo manipolati e di forma irregolare. Ciò che veniva successivamente impiantato era grossolano, irregolare e spesso danneggiato. Il risultato era caratterizzato da una ridotta sopravvivenza dei capelli, insoddisfacente densità e aspetto “bambola”.

Non facciamo cicatrici

… al trapianto capelli HSD a singole unità follicolari

Nella HSD (Hair Surgery Division della Clinica Pallaoro) si è sviluppata una tecnica veramente innovativa che, sfruttando i decenni di esperienza con la micro chirurgia per correggere cicatrici, non procede con la escissione della zona donatrice e impianta singole unità follicolari ottenendo risultati naturali.

Il prelievo singole delle unità follicolari, invece che attraverso l’escissione della losanga di cuoio capelluto, comporta molti vantaggi non solo di carattere estetico. Il trapianto di capelli con cicatrice ha alcuni effetti collaterali che – anche se non sono frequenti – possono essere piuttosto sgradevoli e a volte devastanti dal punto di vista estetico. Gli effetti collaterali relativi all’ incisione sono ovviamente assenti con la tecnica HSD.  Gli effetti indesiderati  più rilevanti sono l’infezione, la necrosi e la perdita di sensibilità cutanea.