Home chi siamo 049665431

Tipi di calvizie

Per affrontare professionalmente la procedura di trapianto per la correzione della calvizie è fondamentale distinguere le varie tipologie. Infatti non tutti i tipi di calvizie sono operabili ed e quindi compito del chirurgo determinare il tipo, grado ed operabilità di quella del paziente candidato. Comunemente si utilizza il termine “calvizie” per indicare la cosiddetta “alopecia androgenetica” o calvizie comune, che è la più comune forma di diradamento.

Alopecia areata

Un’altra tipologia di calvizie è l’ “alopecia areata”, ovvero la comparsa di chiazze glabre circolari (anche nella barba). Raramente ci sono segni visibili sulla pelle (atrofia o rossori) e i capelli ai margini della chiazza sono sottili e deboli, quasi trasparenti. Le cause sono da ricercarsi in uno stato ansioso, depressivo o di stress. La patologia è reversibile nella maggior parte dei casi. In questi l’intervento può essere consigliato per ripristinare le zone diradate o calve residuate dall’ alopecia areata.

Alopecia areata

Alopecia fronto parietale

Un’altra tipologia di calvizie è la “alopecia fronto-parietale” maschile. Si riconosce perché l’attaccatura dei capelli assume una forma ad “M” e fronte e tempie risultano molto ampie. Clinicamente viene distinta dalla forma comune di calvizie perché non sempre questo tipo di diradamento sfocia nell’alopecia androgenetica.

Alopecia fronto parietale

Alopecia post gravidica

Appartenente all’universo femminile è l’ “alopecia post gravidica”, che compare a pochi mesi dal parto e si risolve spontaneamente. La causa è da ricercare nell’aumento della prolattina caratteristico di questa fase e alla diminuzione brusca degli estrogeni.

Alopecia post gravidica

Alopecia da trazione

L’ “alopecia da trazione” è un’altra forma di diradamento più comune nelle donne perché la causa scatenante è lo stress meccanico provocato dalla messa in piega, e da particolari acconciature. Nei casi più comuni i capelli vengono spezzati dalle continue sollecitazioni e la soluzione è la sospensione dei trattamenti cosmetici abituali. Nei casi più gravi invece, compaiono eritema e desquamazione che possono determinare danni permanenti. Questo è il motivo per cui alcune donne notano un diradamento in prossimità della scriminatura dei capelli: pettinandosi in questa zona la trazione meccanica è più aggressiva e ripetuta.

 

Alopecia traumatica

L’ “alopecia da trauma psico-fisico” è la comparsa di un’area priva di capelli in seguito ad un trauma. Infatti, il blocco prolungato della microcircolazione sanguigna locale provoca il “soffocamento” dei bulbi piliferi. In questo caso la soluzione ottimale è il trapianto dei capelli che restituisce i follicoli con aspetto naturale.

Altre tipologie di calvizie e di diradamenti possono essere determinate da carenze alimentari (con conseguente indebolimento anche delle unghie), oppure possono essere generate da determinati farmaci (dette iatrogene – sono risolvibili con la sospensione dell’uso del prodotto), da radioterapie o dal decorso di alcune malattie.