skip to Main Content

La tecnica Micro FUE è in grado di correggere l’effetto bambola residuato dal trapianto ad isole oppure FUE con punch largo.

Trapianto capelli: Correggere l’ effetto bambola

Negli ultimi decenni la tecnica del trapianto capelli ha avuto periodi meno brillanti durante i quali i metodi operatori erano grezzi, invasivi e con risultati del tutto deludenti. In particolare ci riferiamo al “famigerato” trapianto ad isole. Si trattava di una tecnica che prelevava dalla nuca una porzione di cuoio capelluto, lo sezionava in isole contenenti varie unità follicolari ed infine queste venivano impiantate nella zona diradata / calva. Le isole presentavano una densità piena (quella della zona donatrice) mentre quella ricevente era senza capelli o con un diradamento forte. Il conseguente risultato è assolutamente innaturale e cioè la presenza dell’ effetto bambola: In una zona con assenza di capelli si notano ciuffi densi di capelli impiantati ad isola.

La correzione del risultato

Oggi i trapianti sono miniaturizzati. Si trapianta l’elemento capillare anatomicamente più piccolo e funzionale: l’ unità follicolare. Questo elemento è indivisibile e rappresenta la forma attraverso la quale la natura distribuisce i capelli (e i peli) nel tessuto cutaneo.

Per correggere l’ effetto bambola è necessario progettare un intervento complesso con l’obiettivo di nascondere l’effetto bambola. Va innanzitutto verificata la disponibilità di capelli nella zona donatrice. In assenza degli stessi poco si potrà migliorare. In alcuni casi addirittura si potrà procedere con l’espianto dei follicoli.

Il trapianto di capelli per correggere l’effetto bambola deve impiantare unità follicolari tra le varie isole ed in maniera sparsa e caotica, così come la natura si presenta. Se ciò non fosse sufficiente per donare un aspetto naturale alla capigliatura, sarà necessario smontare parzialmente i capelli presenti sulle isole precedentemente trapiantato per impiantarli nuovamente tenendo conto della densità programmata.

La durata dell’ esecuzione del trapianto correttore può essere di alcune ore vista la complessità dell’ intervento. Ciò renderà il relativo costo più elevato di un trapianto primario.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi